Audi RS6, la festa per i 20 anni

Doppia anima: prestazioni da supercar e massima fruibilità nell’utilizzo quotidiano: ecco il segreto dell’Audi RS6 che dalla prima serie, C5, all’attuale C8 ha segnato il corso delle sportive.

Poco dopo l’inizio del nuovo millennio, l’allora quattro GmbH (oggi audi Sport GmbH) deve decidere quale vettura, dopo audi RS 4, affidare ai propri specialisti per una rivisitazione in chiave sportiva. Il momento è favorevole per audi A6: la prima generazione, denominata C5, è stata aggiornata nel 2001 e, allo stesso tempo, Audi vuole aggiungere potenza sotto il cofano di uno dei propri modelli high-end.

Il Brand è consapevole della propria identità sportiva e dei successi nel Motorsport: all’esordio alla leggendaria 24 Ore di Le Mans, nel 1999, Audi è salita immediatamente sul podio. Al termine del triennio 2000-2002, con 13 vittorie nel proprio palmarès, la Casa dei quattro anelli entra nella storia di Le Mans e si afferma come seconda squadra di maggior successo di sempre. Gli ingegneri di quattro GmbH si impegnano pertanto al massimo per rendere Audi A6 più sportiva sia a livello di motore, assetto e trasmissione, sia nel design, tanto che la variante RS può contare su di una crescita dimensionale di 4 centimetri in lunghezza e larghezza, minigonne specifiche, passaruota ampliati, prese d’aria maggiorate, paraurti e spoiler dedicati, cerchi da 18 o 19 pollici e due terminali di scarico ovali.

Poi nel 2002 quattro GmbH opta per un motore V8 4.2 derivato dall’unità appannaggio dell’ammiraglia Audi A8 e già destinato ad S6 nella configurazione aspirata da 340 CV. Per garantire alla vettura un carattere unico, l’8 cilindri viene sovralimentato mediante due turbocompressori corredati da altrettanti intercooler. Il propulsore così rivisitato è però caratterizzato da ingombri incompatibili con il vano motore di A6. Motivo per il quale quattro GmbH ridisegna l’avantreno dell’auto, allungandolo e allargandolo di 4 centimetri. Il V8 biturbo non viene sviluppato a Ingolstadt o a Neckarsulm, bensì in Inghilterra presso la britannica Cosworth, sino al 2004 affiliata di Audi AG, così da erogare 450 CV e 560 Nm di coppia. Valori che divengono il nuovo riferimento del segmento. Per un confronto, si pensi come possa contare su 450 CV anche l’Audi TT-R schierata dal team ABT nel DTM – il Campionato Tedesco Turismo – con la quale Laurent Aïello conquista il titolo 2002.

Poi a sei anni dall’introduzione della prima serie di Audi Rs6, debutta la seconda generazione della berlina e Avant high performance. Crescono potenza, cilindrata e frazionamento del motore. Sotto il cofano pulsano dieci cilindri assistiti da due turbocompressori. Complice la cubatura di 5,0 litri, audirs6 C6 può contare su di una potenza massima di 580 CV e una coppia di 650 Nm disponibile sin da 1.500 giri/min. Valori superiori, all’epoca, persino alla supercar audi R8.

Il V10 5.0 è una forza della natura: al peso contenuto in 278 chilogrammi abbina soluzioni raffinate quali la lubrificazione a carter secco, che garantisce il flusso d’olio anche con accelerazioni di 1,2 g, la trazione integrale quattro e il nuovo cambio automatico tiptronic, del tipo mediante convertitore di coppia, a 6 rapporti. La trasmissione, nello specifico, viene ampiamente rivisitata nel sistema di raffreddamento e nella rapidità degli innesti, così da garantire ad audirs6 Avant uno scatto da 0 a 100 km/h in 4,6 secondi (4,5 secondi per la berlina) a fronte di una velocità massima di oltre 300 km/h (più precisamente 303 km/h per la variante plus).

Su arriva quindi alla RS 6 Avant C7: 120 kg più leggera e per la prima volta con oltre 600 CV e quindi alla RS 6 Avant C8: tecnologia MHEV, sterzo integrale e look senza compromessi. Mentre le generazioni precedenti optano per una sportività “discreta”, nuova Audi Rs6 Avant si presenta come una sportiva senza compromessi, nettamente differente da audi A6 Avant. Ad eccezione delle portiere anteriori, del tetto e del portellone, la carrozzeria si avvale di componenti specifici RS. L’impronta a terra risulta più ampia di ben 80 mm grazie ai passaruota maggiorati; più ampio anche il single frame, fortemente caratterizzato dalla griglia a nido d’ape a effetto tridimensionale. Il nuovo paraurti RS ospita prese d’aria laterali che si spingono sino al bordo inferiore dei proiettori, mentre al retrotreno sono protagonisti assoluti lo spoiler al tetto e il paraurti specifico RS con estrattore. L’impianto di scarico RS si avvale di due terminali ovali cromati. A richiesta è disponibile l’impianto di scarico sportivo RS con terminali neri.

cookie informativi

I cookie sono piccoli file produtti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell'utente tramite il browser quando lo si visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc.. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell'utente anche dopo la chiusura della sessione dell'utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono del sito che si visita (locali) o di terze parti.

Ci sono diversi tipi di cookie:

  • Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l'utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l'accesso a determinate aree, facilitano gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc...),
  • Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata,
  • cookie di terzi parti che consentono l'integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc...

Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell'8 maggio 2014 del garante della privacy, l'utente ci autorizza all'utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunto da Google Analytics sono disciplinate dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics.

Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l'utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del tuo browser.